Federazione Italiana Allevatori Colombi

Messaggio
  • EU - Nuova direttiva e-Privacy

    Questo sito web utilizza i cookie di terze parti per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'Utente accetta che possiamo inserire questi tipi di cookie nel proprio dispositivo.

    Leggi la Privacy Policy del sito

    Apri la e-Privacy Directive Documents

    Hai rifiutato cookie. Questa decisione può essere invertita.

Statuto della Federazione

Titolo V
Sanzioni Disciplinari

Art. 54 - Le sanzioni disciplinari che possono essere inflitte alle Associazioni ed ai tesserati sono le seguenti:
a)    La Censura;
b)    La Sospensione;
c)    L'Espulsione.
Art. 55 - La Censura è il provvedimento adottato nei confronti di chi si rende responsabile di mancanze che rechino
lieve danno alla F.I.A.C. ed ai tesserati sia direttamente che indirettamente.
Art. 56 - La Sospensione è il provvedimento adottato nei confronti di chi violi norme statutarie, regolamentari e
deliberazioni federali, nonché nei confronti di chi, con il proprio comportamento, fomenta disordini e dissidi. La sospensione ha l'effetto di privare temporaneamente l’Associazione o il tesserato dei diritti derivanti dall'affiliazione e può estendersi da un minimo di 1 mese ad un massimo di 12 mesi.
Art. 57 - L'Espulsione è il provvedimento adottato nei confronti di chi violi norme statutarie, regolamentari e
deliberazioni federali, nonché nei confronti di chi, con il proprio operato e comportamento, fomenta disordini e dissidi di gravità tale da far ritenere inadeguato il provvedimento di sospensione.
Il federato che violi una prima volta le norme concernenti gli anelli federali sarà sospeso, se recidivo sarà espulso.
L'espulsione ha l'effetto di privare l'Associazione ed i tesserati, in modo definitivo, dei diritti derivanti dall'affiliazione.
Art. 58 - I tesserati sospesi perdono il diritto a partecipare a manifestazioni colombofile ufficiali,  per tutto il periodo di
sospensione. Il provvedimento medesimo comporta, inoltre, la decadenza della carica federale eventualmente
ricoperta.
Art. 59 - Il C.D.F. è competente a giudicare le mancanze, le infrazioni e le violazioni commesse da membri collettivi e
dai singoli federati. Il C.D.F. non può adottare alcun provvedimento disciplinare senza aver sentito la difesa dell'interessato. Contro il provvedimento di espulsione, adottato dal C.D.F., da notificarsi all'interessato entro 20 gg. dalla sua adozione, è ammesso ricorso entro 30 gg. per scritto al Presidente Federale;  la decisione definitiva spetta all'Assemblea dei Delegati.
Art. 60 - Il tesserato sospeso o radiato dalla F.I.A.C. deve essere sospeso o radiato anche dall'Associazione di
appartenenza, né può essere ammesso a far parte, temporaneamente o definitivamente, di altre Associazioni affiliate.
Art. 61 - I provvedimenti disciplinari adottati da una Associazione nei confronti di un proprio associato, devono essere
notificati alla F.I.A.C..