Club Italiano Modena Club Italy

Indice articoli

                                                                                                               logo modena inglese

Presidente: Goletto Mauro

Strada Vecchia di Rivarolo, 2 – 10080 OSEGNA (TO)

Tel. 39 3470492653

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.



Origine

L'attuale tipo è stato creato in Inghilterra, partendo dalla forma originaria italiana.

Le origini di questa razza non sono poi così antiche. Derivano infatti dai colombi triganini importati in Germania nel 1876 da Prutz (un noto colombofilo autore di alcuni libri sulla colombicoltura in tedesco tra fine 800' e inizio 900'); alcuni di questi sono poi arrivati in Inghilterra tra il 1876 e 1878. Negli anni successivi la selezione inglese ha apportato importanti modifiche alla struttura corporea della razza, pur mantendo molte delle variazioni di mantello, caratteristiche dei triganini, ed ancora oggi presenti sugli attuali Modena Inglesi.
Nel 1910 nasce in Inghilterra il primo "Modena Club" presieduto da Godfrey Hazeltine.
In Germania la selezione dei triganini arrivati dall'Italia, si improntò più che sulla modificazione della struttura corporea, sulla selezione delle colorazioni. Nonostante ciò la forma del colombo non rimase la stessa dei colombi italiani (vedi triganino tedesco).
Oltre alla selezione tedesca e inglese, esiste anche una selezione americana, molto simile e di diretta derivazione di quella inglese.

Impressione complessiva

Categoria: Colombi Gallina.
Colombo di media grandezza, ben arrotondato in tutte le sue parti, con corpo largo e corto, ben pieno, coda portata molto rialzata, gambe ben staccate dal corpo e tenute larghe tra loro.

Mantelli della razza

COLORI INTENSI
Blu: senza verghe, con verghe bronzo (anche come zarzano), martellato bronzo (anche come zarzano), a scudo bronzo con orlature, a scudo bronzo senza orlature, con verghe bianche, a scudo bianco con orlature, Scuro a scudo bronzo: senza orlature, con orlature, martellato.
Bruno (Pietra chiara): con verghe bronzo, martellato bronzo.
Bruno a scudo bronzo: senza orlature, con orlature, martellato.
Rosso dominante: (anche come zarzano).
Rosso cenere: con verghe (anche come zarzano), martellato.
Nero: unicolore, con verghe bianche, a scudo chiaro con orlature.
Bruno: unicolore, con verghe bianche, a scudo chiaro con orlature.
Rosso recessivo: unicolore, a scudo chiaro con orlature.

COLORI DILUITI
Blu argento: senza verghe, con verghe zolfo (anche come zarzano), martellato zolfo (anche come zarzano), a scudo zolfo con orlature, a scudo zolfo senza orlature.
Ocra a scudo zolfo: senza orlature, con orlature, martellato.
Khaki (Isabella): con verghe zolfo, martellato zolfo.
Khaki a scudo zolfo: senza orlature, con orlature, martellato.
Giallo dominante.
Giallo cenere: con verghe, martellato.
Grigio: unicolore.
Khaki: unicolore.
Giallo recessivo: unicolore, a scudo chiaro con orlature.

Esistono inoltre i mantelli: dorato (gold), andaluso, indaco, argento (lavanda), bianco, magnano multicolore, magnano bicolore, tigrato scuro (mottled), tigrato e farfallato nei colori: nero, bruno, rosso, giallo, blu e scuro a scudo bronzo. Osservazione: i mantelli zarzano, tigrato scuro (mottled), tigrato, farfallato e magnano non esistono nei Gazzi.



 

contentmap_plugin